Confesercenti Padova - benvenuto

29 Dic 2009
saldi.jpgTiene la fiducia dei consumatori sui saldi.  Otto consumatori su dieci ritengono che siano una effettiva occasione.
Nella provincia di Padova si spenderanno quasi 95 milioni di euro per i saldi che partiranno il prossimo 2 gennaio  (6 in più del 2009)
7 famiglie ogni 10 effettueranno un acquisto in saldo
Si contenderanno le vendite  1.500 esercizi al dettaglio di tutte le dimensioni e le tipologie: abbigliamento, accessori, pellicceria e calzature La vera corsa alle occasioni dei saldi avverrà nei primi 3 giorni, circa il 40% degli acquisti, un altro 35% si dedicherà ai saldi entro i primi 15 giorni e solo il rimanente 25% nelle rimanenti settimane (ci sarà tempo fino alla fine di febbraio).

Il 50% andrà ad acquistare nei negozi già conosciuti mentre il 20% in negozi dove ha già visto le opportunità e solo il rimanente 30% andrà alla ricerca di occasioni.

Nonostante quasi il 10% dei negozi della moda nella nostra provincia abbia organizzato vendite di liquidazione tra la fine di novembre ed il mese di dicembre, l’attenzione dei consumatori verso il periodo dei saldi non cala.

La data di inizio dei saldi, dichiara il Presidente Rossi, è troppo a ridosso del Natale, in questo modo il settore viene penalizzato  poiché i consumatori a dicembre rinviano gli acquisti aspettando i primi giorni di gennaio.   Si rende necessario rivedere la normativa in un accordo Stato Regioni che ritorni a periodi di svolgimento dei saldi limitati al mese di febbraio.  Liberalizzare i saldi, come propongono alcune associazioni di consumatori sarebbe lo smacco definitivo per gli stessi consumatori che si troverebbero di fronte non a vere occasioni come avviene per i saldi ma alle solite promozioni camuffate con articoli civetta ecc.  cose in cui sono maestri i realizzatori delle campagne pubblicitarie della grande distribuzione. Proprio per questo, dichiara il Presidente Rossi, abolire i saldi sarebbe pura follia. I saldi  e soprattutto le regole garantiscono prima di tutto i consumatori.
Il vero nodo, continua Rossi, è la data di inizio, abbiamo dovuto accettare il primo sabato di gennaio per adeguarci alle altre regioni, la  data ideale sarebbe la fine di gennaio in modo da garantire i piccoli esercizi.

Archivio