Confesercenti Padova - benvenuto

07 Apr 2008
no-lattine.jpg
Da lunedì 7 aprile 2008, scatta l'obbligo di esporre i nuovi cartelli per i pubblici esercizi all'esterno dei locali (art. 30 della L.R. 29/2007). Devono essere indicati i due prezzi praticati, al banco e al tavolo, esposti in modo visibile sia all'interno che all'esterno del locale.

Inoltre, sempre da lunedì, vietata la vendita di alcolici dopo le due di notte e fino alle 6 del mattino in tutti gli esercizi commerciali, artigianali, di somministrazione di alimenti e bavande, compresi i circoli privati e agriturismo.


Cartellonistica per Pubblici Esercizi
Legge Regionale n.29/2007: disciplina dell’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande

L’articolo 30 della Legge Regionale n.29/2007 entrato in vigore dal 07/04/2008, prevede che il prezzo delle consumazioni, al banco e al tavolo, sia esposto in modo chiaro e leggibile e sia visibile al pubblico anche dall’esterno.

Bar, ristoranti, pizzerie e vendita per asporto, che cosa fare 
  1. non utilizzare più il “Listino prezzi massimi delle consumazioni”, sostituirlo con un listino che riporti il prezzo praticato
  2. in ciascun listino devono essere indicati i due prezzi: quelli praticati al banco e quelli praticati al tavolo
  3. esporre il listino prezzi all’interno in un luogo ben visibile e fare in modo che i prezzi siano ben visibili
  4. durante l’orario di apertura esporre il listino prezzi e il menù anche all’esterno o in modo tale che sia ben visibile dall’esterno (ad esempio sulla porta o sulla vetrina)
  5. i locali che offrono il servizio all’esterno (giardino, piazza esterna, plateatico) devono esporre il listino in questo spazio oppure utilizzare dei menù, con l’elenco delle consumazioni e dei prezzi praticati, sui tavoli. Il menù deve precisare se gli alimenti non freschi sono surgelati o congelati
  6. anche i bar che offrono piatti di gastronomia devono presentare il menù con i relativi prezzi
  7. listini e menù devono riportare eventuali maggiorazioni dei prezzi esposti per le singole consumazioni, dovute a particolari servizi
  8. il menù deve riportare anche i prezzi dell’acqua, dei vini (in assenza di “carta dei vini”), del coperto e degli eventuali costi aggiuntivi
  9. non è più possibile presentare il “menù parlato”: ai clienti deve essere sempre presentato il menù scritto
  10. il menù “turistico” o “a prezzo fisso” deve riportare le portate e quanto compreso nel prezzo
  11. i pubblici esercizi possono vendere quanto somministrano anche come prodotto per asporto
  12. i prodotti esposti e destinati alla vendita per asporto devono essere accompagnati da un cartellino con indicato il prezzo di vendita
  13. le disposizioni sulla pubblicità dei prezzi si applicano anche alle attività artigiane (gelaterie, gastronomie, rosticcerie, pasticcerie, pizzerie  da asporto)

    Chiunque viola le disposizioni sulla pubblicità dei prezzi prevista dall’art. 30 della L.R. 29/2007, è punito con una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 258,00 a euro 1.550,00.
    Si applicano inoltre le disposizioni previste dagli artt. 17ter e 17quater del TULPS, con chiusura del locale fino a un massimo di tre mesi.

 

Archivio