Confesercenti Padova - benvenuto

29 Dic 2016

voucher buono lavoroLa preoccupazione del Presidente di Confesercenti è che ancora una volta di fronte a qualche furbetto ci rimettano tutti, anche quelle imprese che i voucher li hanno utilizzati regolarmente.
In effetti, dichiara Rossi, se pensiamo alle nuove modalità di consumo, ai picchi temporanei sia nelle vendite che nei servizi, la possibilità di poter disporre di voucher che permettano l’impiego di lavoro in modo occasionale si è dimostrato un toccasana per molte imprese.
Si pensi ai ristoranti, che non sono più in grado di programmare il lavoro dal momento che le presenze variano in modo imprevedibile da giorno a giorno. Un tempo i picchi di presenza erano tra il sabato e la domenica, adesso le serate con il pienone sono quasi imprevedibili. Il poter disporre di personale preparato in queste occasioni è indispensabile.

Si pensi ai negozi con poche vendite nell’arco della settimana ed un afflusso particolare in giorni di eventi o altre occasioni.
Si pensi ai mercati dove ci sono flussi di vendite legati non solo al giorno ma agli orari.
Si pensi alle botteghe che forniscono servizi alle persone.
Si può continuare con un elenco lunghissimo di attività economiche che con i voucher possono operare regolarmente.

Sia chiaro, conclude Rossi, a tutti interessa che non ci siano abusi o furbetti e quindi ben vengano controlli e sanzioni ma attenzione a non incorrere nella solita malattia italiana per cui invece dei controlli ci si avvita su una serie di norme burocratiche che ne rendono impossibile l’applicazione.

Archivio