Filtro
  • Vendite Natalizie

    Nicola Rossi: un natale in agrodolce.

    Bene gli alimentari, i giocattoli, i libri,  le profumerie, i prodotti tecnologici

    I ristoranti.

    Calano abbigliamento, calzature.

    Centri storici e mercatini presi d'assalto

    Un Natale in agrodolce quello dei commercianti Padovani, dichiara Nicola Rossi, Presidente della Confesercenti Padovana sul risultato finale delle vendite natalizie.

  • Previsioni Natale 2007

     

    Image A DICEMBRE ARRIVERRANO 530 MILIONI DI EURO PER LE TREDICESIME DEI PADOVANI (come per il 2006)
    CRESCONO LE 13^ DA PENSIONI (+ 9 MILIONI) DIMINUISCONO QUELLE DEGLI OCCUPATI (-3 MILIONI)

    11 MILIONI IN MENO DESTINATI ALLE SPESE
    21 MILIONI IN PIU' PER PAGARE BOLLETTE E DEBITI IN SOSPESO -SOLO 241 ALLE SPESE PER LA FAMIGLIA (- 3,58%)  E SOLO 95 MILIONI PER REGALI  (-2,54%) ...

  • Piano Regionale del Commercio:


    Image Sviluppo ad impatto Zero
    : questa la proposta della Confesercenti

    La proposta della Giunta Regionale per nuovi insediamenti della grande distribuzione nel territorio Veneto trova la Confesercenti nettamente contraria.

    Del resto, non può essere diversa la posizione di una organizzazione di commercianti che, al contrario dell’altra, rappresenta esclusivamente le piccole e medie imprese del commercio.

  • Forte preoccupazione espressa dalla Confesercenti per l'impennata inflazionistica

    Image I commercianti ed esercenti guardano con viva preoccupazione all’impennata dell’inflazione che nel mese di novembre 2007 ha toccato, con il 2,4%, livelli tendenziali ormai dimenticati. 
    L’inflazione dell’aumento dei prezzi penalizza il mondo del commercio in modo esponenziale, in quanto è accompagnata da un mancato adeguamento della capacità di spesa delle famiglie e da una crescente insicurezza nel futuro, che crea ulteriore stagnazione dei consumi. 
  • Il commercio al dettaglio continua ad assorbire l'inflazione


    Image Dal 2002 al 2007 assorbito oltre il 2% a scapito del proprio reddito
    Entro dicembre 2007 saranno quasi 200 le attività commerciali costrette a chiudere nella nostra provincia.

    Non possiamo essere noi ad abbassare le nostre ricariche ed i nostri prezzi, perché non ne abbiamo più.