13 Apr 2010
Sulla questione di Padova città turistica e sulla conseguente apertura festiva dei negozi del centro storico interviene nuovamente il Presidente Rossi: “come abbiamo più volte ribadito al momento dell’approvazione, quella dell’ampliamento dell’area turistica della città di Padova all’area compresa all’interno delle mura trecentesche era e rimane una dovuta sperimentazione”. In questi ultimi mesi di fronte alla crisi economica un numero crescente di piccoli commercianti nostri iscritti ci chiedono di provare a modificare gli orari di apertura nonché ad aprire nei giorni festivi”

Esempi di questo tipo ne abbiamo in tutta la provincia: dalle aperture serali degli shopping festival (Este Monselice Piove ecc.) a quelle delle domeniche nelle città murate, con risultati molto spesso positivi, o dove si svolgono mercati domenicali.

anche se rimane numerosa la parte dei negozianti contrari alla apertura domenicale  le organizzazioni del commercio devono passare dai sondaggi su chi vuole aprire o no ad una verifica sul campo se una eventuale apertura festiva può portare vantaggi ai piccoli esercizi.

La sperimentazione che durerà 11 domeniche sarà verificata passo per passo da una commissione voluta dalla associazioni di categoria e dai sindacati dei lavoratori dipendenti  e la valutazione finale dipenderà dai tre seguenti dati:

 

  • Numero degli esercizi aperti
  • Incremento dei volumi delle vendite nei piccoli esercizi
  • Andamento occupazionale negli esercizi interessati.

 
Se i tre dati avranno il segno negativo fermeremo la sperimentazione, che ripeto è appena partita, altrimenti se incontrerà la soddisfazione dei commercianti dovrà continuare.

Rispetto alle polemiche di questi giorni conclude Rossi
“Non ci aspettavamo certamente una adesione massiccia, anzi. Và però sottolineato che come previsto le aperture hanno interessato le principali vie commerciali di Padova ed il nodo rimane il coinvolgimento delle laterali (Zabarella Altinate, Verdi, Dante, Ghetto ecc.)”
La sperimentazione comunque durerà 11 domeniche ed alla fine avremmo finalmente sottomano la vera situazione”