22 Nov 2010
marchio_qualit.jpgPer tradizione, la piazza è sempre stata luogo di notizie, incontro e socializzazione, prima ancora che di approvvigionamento. Un tempo, il giorno di mercato era innanzitutto un evento e questo gli ha permesso di diffondersi in maniera capillare, diventando un marchio di qualità.
Il comune di Padova con l’ASL di Padova e la collaborazione di Confesercenti e Confcommercio, hanno iniziato un percorso per registrare un marchio in grado di identificare la qualità dei prodotti venduti.


Il  processo di qualificazione del mercato di Piazza delle Erbe  è stato particolarmente complesso e per le sue caratteristiche continuerà nel tempo.

Contestualmente alle attività formative svoltasi nel corso del 2010, si è proceduto alla definizione del logo, che avesse caratteristiche idonee a identificare l’iniziativa.
I corsi sono stati chiusi da un esame di valutazione finale. In totale, le attività formative hanno visto la partecipazione di circa 50 allievi in rappresentanza di 37 aziende titolari di posteggio.

Oggi ogni banco di vendita che ha richiesto il marchio di qualità, che ha sostenuto con esito positivo l’esame finale e che si è impegnato nel mantenimento dei requisiti previsti, può essere identificato attraverso il marchio esposto nel banco di vendita stesso.
Coloro che hanno dimostrato di avere i requisiti di qualità richiesti (rispetto delle regole qualitative nel prodotto e nei servizi), per poter mantenere il riconoscimento di qualità dovranno garantire i livelli di qualità che saranno soggetti a controlli di mantenimento. Questi controlli di mantenimento saranno quindi effettuati a sorpresa tra tutti i soggetti che hanno aderito e che espongono il marchio di qualità con ovviamente l’esclusione di quanti non rispetteranno le regole richieste.

Inoltre gli operatori che non hanno ancora aderito possono fare richiesta per poter accedere ai requisiti necessari per il riconoscimento del marchio.