Confesercenti Padova - benvenuto

20 Dic 2010
Il D.Lgs 81/08, modificato dal D.Lgs 106/09 prevede che in ogni attività venga effettuata la valutazione del rischio derivante dallo stress lavoro correlato al personale dipendente e/o figure equiparate (su indicazioni fornite dalla Commissione Consultiva permanente che in data 18/11/2010 ha approvato le linee guide per l’effettuazione della valutazione) Cosa si intende per lo Stress lavoro- correlato?
Lo stress, non è una malattia ma una modalità fisiologica di adattamento. Tuttavia, in condizioni particolari, quando le richieste lavorative non sono commisurate alle capacità, alle risorse o alle esigenze dei lavoratori si possono manifestare reazioni fisiche ed emotive. Lo stress può colpire qualsiasi luogo di lavoro e lavoratore indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda, dal settore di attività, dal livello gerarchico o dalla tipologia del rapporto di lavoro.

Non è facile distinguere lo stress correlato al lavoro dallo stress cui è soggetta una persona per motivi che esulano dall’ambiente di lavoro. Per questo motivo il target di riferimento nella valutazione NON deve essere il singolo lavoratore ma il benessere organizzativo nel suo insieme.
L’elaborazione dei dati, raccolti con strumenti soggettivi, deve essere fatta tenendo presente il gruppo di riferimento e non i singoli lavoratori.


Cosa si deve fare per la valutazione intende per lo Stress lavoro- correlato?
La valutazione preliminare parte dall’analisi di 3 tipologie di “indicatori” preliminari per i quali si deve valutare se negli ultimi tre anni c’è stato un aumento, una diminuzione o sono rimasti inalterati:
1. Eventi sentinella: indici infortunistici, assenze per malattia, turnover, procedimenti e sanzioni, segnalazioni del medico competente, frequenti e specifiche lamentele formalizzate da parte dei lavoratori.
2. Fattori di contenuti del lavoro: ambiente di lavoro e attrezzature, carichi e ritmi di lavoro, orario di lavoro a turni, corrispondenza fra le competenze dei lavoratori e i requisiti professionali richiesti.
3. Fattori di contesto del lavoro: ruolo nell’ambito dell’organizzazione, autonomia decisionale e controllo, conflitti interpersonali al lavoro, evoluzione e sviluppo di carriera, comunicazione.

Ove da questa prima valutazione preliminare non emergano elementi di rischio tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive, il datore di lavoro dovrà integrarla al DVR (ricordiamo l’obbligo di effettuare il Documento di Valutazione dei Rischi) e monitorare la situazione.
Nel caso in cui si rilevino elementi a rischio tali da richiedere il ricorso ad azioni correttive immediate, si deve procedere all’adozione di opportuni interventi (organizzativi, tecnici, procedurali, formativi, comunicativi, ecc.) e passare alla fase di valutazione approfondita.

Metodologie per la “valutazione preliminare”

Esistono diverse metodologie per procedere alla valutazione su indicazioni fornite dalla Commissione Consultiva permanente in data 18/11/2010

In attesa di avere maggiori indicazioni e chiarimenti, è obbligatorio che tutti i datori di lavoro (indipendentemente dal numero di lavoratori presenti nell’azienda) procedano, a partire dal 31.12.2010, a sottoscrivere un impegno del termine entro il quale verrà effettuata la valutazione stress lavoro correlato, iniziando con la raccolta degli eventi sentinella obbligatoria a partire dal 01.01.2011

Presso l’Ufficio Settore Ambiente della Confesercenti di Padova ed in tutte le sedi mandamentali, previa appuntamento, si può procedere alla stesura di questa prima valutazione preliminare, che dovrà essere inserita nel Documento di Valutazione dei Rischi.

Assieme alla valutazione di cui sopra gli operatori della Confesercenti verificheranno gratuitamente l’avvenuta effettuazione di tutti gli altri adempimenti obbligatori previsti dal D.Lgs 81/ quali:

1. Formazione per il “datore di lavoro” RSPP e/o preposto
2. Formazione addetti al primo soccorso
3. Formazione addetti all’antincendio
4. Formazione ed informazione personale dipendente
5. Stesura del DVR (documento valutazione dei rischi)
6. Monitoraggio della salute dei lavoratori
7. Obbligo dell’utilizzo dei D.P.I

Per informazioni e appuntamenti utilizzare la scheda in allegato e/o contattare
l’Ufficio Settore Ambiente Manuela Concas
Tel. 049.8698618/ 611 - Fax 049.8698614 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Richiedi subito un appuntamento:
pdf cedola 90.16 Kb

Archivio